Acquisti contactless di piastrelle
(4229)
    (183)
      Mostra
      Criteri scelti: 0
      Tutti i blog

      Gres porcellanato effetto legno. Nuove tendenze nel design e nella produzione 05.02.15Domande e risposte

      Le aziende ceramiche continuano a produrre le piastrelle effetto legno, offrendo un assortimento sempre più vasto. Negli ultimi dieci anni la qualità del prodotto è molto cambiata. Grazie alle tecnologie moderne, in particolare alla stampa digitale, le imitazioni del materiale sono diventate più fedeli, le aziende sono riuscite a creare le superfici che riproducono nei minimi dettagli la venatura del legno e la sua struttura naturale. Quali sono le ultime novità presentate dai marchi italiani? Si evidenziano tre tendenze principali: formati diventano sempre più grandi, la gamma delle tonalità e delle finiture si allarga, abbinamenti delle finiture diverse diventano più frequenti. Fermiamoci più a lungo su queste tendenze.

      Formati diventano sempre più grandi.

      Il formato tradizionale delle piastrelle effetto legno è il sestino (rettangolo allungato). Piastrelle posate con una fuga minima danno sensazione dell’impalcato di tavole. Però non è mica l'unico. Per esempio, i marchi Settecento e Self producono le piastrelle effetto legno in formato esagonale. La maggior parte delle collezioni propongono le lastre - Root di Caesar, Wood'ax di Vallelunga, Trendwood di Abita.

      Piastrelle in gres porcellanato ROOT di Ceramiche Caesar

      La lunghezza delle lastre è 120 cm. Ancora due-tre anni fa questo formato era considerato molto grande e poco frequente, ma oggi è diventato standard adottato da numerose aziende. Alcuni produttori propongono le piastrelle in formato ancora più grande. 

      La collezione Soleras di ABK include formati 20x170 e 40x170 cm.

      Piastrelle in gres porcellanato SOLERAS di ABK Ceramiche

      La produzione si svolge con applicazione della tecnologia exclusiva "Auto-Leveling" che permette di ottenere perfetta planarità e facilità di posa anche con le piastrelle di grande formato (per dettagli guarda il video qui sotto).

      Ma non finisce qui. Slimtech di Lea propone le lastre in gres laminato con la lunghezza 200 cm.

      Piastrelle in gres porcellanato SLIMTECH TYPE-32 di Lea Ceramiche

      Il progetto Type-32 si distingue non solo per il grande formato, ma anche per gli originali pattern geometrici che allungano visualmente la superficie e le donano il senso di movimento. In seguito ci saranno altri esempi del design "fresco" e particolare. Quindi, riassumendo: i formati diventano sempre più grandi e presto neanche lunghezza 150-200 cm sembrerà esotica.

      La gamma delle tonalità e delle finiture effetto legno si allarga.

      I produttori passano dalle imitazioni fedeli dei tipi di legno conosciuti alla riproduzione di quei più rari e esotici. Inoltre, la scelta delle finiture diventa sempre più ampia. I designer propongono le piastrelle con superficie lucida effetto a specchio, effetto legno invecchiato e usurato, legno fossile, legno verniciato e tante altre soluzioni originali.

      Per esempio, la collezione Bali di Ariana riproduce le geometrie della venatura multidirezionale del legno di banano.

      Piastrelle in gres porcellanato BALI di Ariana Ceramica

      Nel 2014 Emilceramica ha lanciato il nuovo progetto - Millelegni che ha per l'obiettivo di raccogliere il maggior numero di specie di legno differenti a seconda del territorio. Per diversi motivi nell’architettura si impiegano solo alcuni tipi di legno. Lo sviluppo di tecnologia ceramica dà la possibilità di esplorare i materiali nuovi.Il progetto Millelegni è aperto e sarà arricchito da nuove specie di piante. Oggi la collezione offre quattro essenze con origine da Giappone, Italia, Scozia e Stati Uniti.

      Piastrelle in gres porcellanato di Emilceramica

      Per esempio, il tono Scottish Oak è stato ispirato alla collezione di antiche botti utilizzati per l’invecchiamento di pregiati scotch whisky. Per qualche anno le assi di legno assorbono in modo non omogeneo le sostanze contenute nel liquido, formando nuances di colore uniche.

      Piastrelle in gres porcellanato MILLELEGNI di Emilceramica

      Grey Ash proviene da Giappone e appartiene alla famiglia delle Oleaceae. Questa tipologia di legno ha un aspetto levigato, cangiante, quasi argenteo.

      Piastrelle in gres porcellanato MILLELEGNI di Emilceramica

      La Fabbrica presenta la collezione Kauri che riproduce il legno probabilmente più esclusivo del mondo da Nuova Zelanda. Si caratterizza per il fantasioso disegno e per le sfumature dei toni.

      Piastrelle in gres porcellanato KAURI di La Fabbrica

      Urban Wood di Fioranese è una delle più espressive collezioni effetto legno invecchiato e usurato. Le lastre sono realizzate in tonalità chiare con tracce di vernice.

      Piastrelle in ceramica e gres porcellanato di Ceramica Fioranese

      U-Color di 41zero42 è un progetto senza precedenti dal punto di vista della scelta di tonalità - ce ne sono 64. Però il formato è l'unico e anche fuori dello standard - 7,5*30 cm.

      Piastrelle in gres porcellanato U-COLOR di 41ZERO42

      Un'altra collezione che merita di essere presentata qui - Artwork di Ornamenta. Realizzata in stile pop-art (che si diffonde sempre di più nel settore ceramico), la collezione include le piastrelle di colori monotoni, ma decisi. Questo prodotto si rivolge ai giovani attivi e affermati.

      Piastrelle in gres porcellanato ARTWORK di Ornamenta

      I designer sono in ricerca delle abbinamenti riusciti delle finiture diversi su un unica superficie.

      Rondine presenta il progetto La Foresta di Gres - la serie delle collezioni in gres porcellanato effetto legno. Le sue ultime novità fanno la prova che i designer del marchio non hanno paura di sperimentare e si allontanano dall'idea di legno "classico". Per esempio, la collezione Metalwood propone le piastrelle con la superficie effetto legno metallizzato.

      Piastrelle in gres porcellanato METALWOOD di Ceramica Rondine

      Una collezione ancora più originale - Amarcord di Rondine. Un cotto ed un legno che diventano un unicum reinterpretati graficamente nella chiave estetica del cemento. Le piastrelle sono adatte per la posa in ambienti continui o nelle zone diverse dello stesso ambiente. La collezione è completata da decori, mosaici e pezzi speciali.

      Piastrelle in gres porcellanato AMARCORD di Ceramica Rondine

      Il marchio Cisa presenta Boheme. La collezione si distingue per le finiture legno invecchiato e cemento abbinate in unica piastrella di formato 50x50 cm.

      Piastrelle in gres porcellanato BOHEME di Cisa Ceramiche

      Le composizioni simili si ottengono anche con le piastrelle della collezione Terra di Fap. Le losanghe effetto legno rappresentano i pezzi singoli, però si può abbinarli alle piastrelle effetto cemento o cotto.

      Piastrelle in gres porcellanato TERRA di FAP Ceramiche

      La nuova collezione Unika di ABK propone il legno inserito nella pietra

      Piastrelle in gres porcellanato UNIKA di ABK Ceramiche

      Infine, Trellis di Kronos - un'altro abbinamento creativo tra la finitura legno e l'effetto cemento,stampati ed impressi su di un’unica lastra (come nella Boheme di Cisa). Divise ognuna in due parti lungo la diagonale, le piastrelle permettono di creare i pattern originali con geometrie ripetute.

      Piastrelle in gres porcellanato TRELLIS di KRONOS Ceramiche

      Commenti